CUINTRETIMP

 

Testo di Luigi Maieron,

Musica di Franco Giordani

 

Son cressûts insieme al fîl di ponte e une gusele

enfre deits di maris deventades mans cul timp

la lôr fionde a è un mani di bandiere tal odor dal fen

a san dut dal bosc a son trois e peçs

 

La lôr fuarce a ere che dut al ere da vegnì

La lôr fuarce a è che lôr àn une muse dome

A scoltâ l'amor a si dà vie dut

A puartalo bessoi a si cole e avonde

 

E si fasin incuintre i dîs e s'in van come amîs

ch'a ti lassin la gole di vin

Come dut ce ch'a cress

Ce ch’a cress e no si capiss

Come ce ch'i vin fat in cuintretimp

 

A nd è un timp par giurâ amôr e un timp par puartalu

A si è bogns di provâ emozions ch'a van vie

Las peraules a disin ce che già i savin

E s'a van plui in là a si pierdin tra lûs e dolôr

 

E si fasin incuintre i dîs e s'in van come amîs

ch'a ti lassin la gole di vin

Come dut ce ch'a cress

Ce ch’a cress e no si capiss

Come ce ch'i vin fat in cuintretimp

 

Controtempo

Sono cresciuti assieme al filo di punta e di un ago / tra dita di madri diventate mani col tempo / la loro fionda è un manico di bandiera / nell'odore del fieno / sanno tutto del bosco / sono sentiero e alberi / La loro forza era che tutto doveva ancora venire / la loro forza è che hanno una sola faccia / ad ascoltare l'amore / si dà via tutto / a portarlo da soli si cade / E si fanno incontro i giorni / se ne vanno come amici / che ti lasciano la voglia di vino / come tutto ciò che cresce / ciò che cresce e non si capisce / come ciò che abbiamo fatto in controtempo / C'è un tempo per giurare amore / e un tempo per portarlo / si riesce a provare emozioni che se ne vanno via presto / le parole dicono quello che già sappiamo / e se vanno un po' più in là si perdono tra luce e dolore / E si fanno incontro i giorni / se ne vanno come amici / che ti lasciano la gola di vino / come tutto ciò che cresce / ciò che cresce e non si capisce / come ciò che abbiamo fatto in controtempo

 

QUANDO SEI IN GUADAGNO

 

Testo di Barbara Floreancig

Musica di Franco Giordani

 

A volte ti senti in perdita con la vita

e quello che puoi fare è stringere i denti

A volte sei in guadagno e non lo sai, e magari non lo sai

 

A volte sei in guadagno, e magari non lo sai

ma è il momento di volare, di riempirti di luce

A volte sei in guadagno e non lo sai, e magari non lo sai

 

Sudore che lava i pensieri, terra dura sotto i piedi

cieli lontani, speranze che non si realizzano mai

A volte sei in guadagno e non lo sai, e magari non lo sai

 

Perdersi per strada, ammalarsi d’illusione è un sogno

Perdersi per strada, ammalarsi d’illusione

è un dolce sogno per guarire di realtà

A volte sei in guadagno e non lo sai

 

Non vedi strade, ma vedi solo errori

non hai tempo per rimedi, ma è troppo presto per andare via

A volte sei in guadagno e in compagnia, e magari non lo sai

A volte sei in guadagno e non lo sai, e magari non lo sai

 

NEL GIRO DI UNO SGUARDO

 

Testo e musica di Franco Giordani

 

Quanta gente in cerca di vita, quanti disegni lasciati a matita

Sempre in cerca di un riflettore, di luce

di una spia accesa per ore

Ma qui non serve capire le cose, basta coprire le altre parole

e nascondersi dentro un’ombra, tanto è colpa del sole

 

Qui puoi cambiare vestito, essere un altro

e poi dire “Basta”, tanto tutto è finito

Non serve immaginazione per uno sguardo

che arriva da dietro un bancone

Qui non serve capire le cose, basta coprire le altre parole

E nascondersi dietro una scusa e pareti piene di colore

 

Tutto accade presto, tra oggi e domani

Tutto nel giro di un istante

Tutto accade presto, e sei sempre in ritardo

Nel giro di un istante, nel giro di uno sguardo

 

Quante volte hai saltato la fila

quante volte sei tornato dov’eri prima

Quante volte avevi ragione, quanti sbagli, quanta illusione

E poi a un certo punto scoprire che sarebbe più facile sparire

E nascondersi dentro un sorriso

dentro la maschera del viso

 

Tutto accade presto, tra oggi e domani

Tutto nel giro di un istante

Tutto accade presto, e sei sempre in ritardo

Nel giro di un istante, nel giro di uno sguardo

 

PIEL SCURE

 

Testo di Luigi Maieron

Musica di Franco Giordani

 

Piel scure di puarte in puarte

Piel freide ch’a vent colanes

Piel scure cjase lontane

Piel scure di puarte in puarte

Peraules buìnes par Nadâl

La neif a cole e lui al va e al ven

Enfre il vueit e il plen dai flocs di neif

Il blanc e il neri insieme a stan da sameâ amìs

Peraules buìnes par Nadâl

Piel scure di puarte in puarte

Piel freide cjase lontane

 

Pelle scura

Pelle scura di porta in porta / Pelle fredda che vende collane / Pelle scura casa lontana / Pelle scura di porta in porta / Parole buone per Natale / La neve scende e lui si intravede / Fra la neve che lo mostra e lo nasconde / Il bianco e il nero insieme stanno da sembrare amici / Parole buone per Natale / Pelle scura di porta in porta / Pelle fredda casa lontana

 

GENTE PERSA PER LA CITTA'

 

Testo e musica di Franco Giordani

 

Tu che cammini a mio fianco con i tacchi a spillo per la strada

Tu che cammini a mio fianco e ti fermi a guardare le vetrine di Dior

Tu che leggi il giornale perché non hai nient’altro da fareGente persa per la città

 

Tu fermo in piazza con una sciarpa di mille colori

Tu che ti inciampi perché hai scarpe più grandi di te

Rasta mai stato in Giamaica che si beve un caffè

Gente persa per la città

 

Ma cosa stiamo aspettando, seduti al tavolo di questo bar ?

Io ci sto pensando e allora tiro a indovinareVoglio una vita spericolata, ma baciata dalla sorte

e aspettandola, sto in questa città

 

Tu con la collana di perle e un vestito fuori moda

Tu con la collana di perle ferma davanti a una fioreria

Tu tutto elegante che attraversi la via

Gente persa per la città

 

Tu che mi passi avanti senza freccia e senza viso

Tu che arrivi di corsa stravolto e senza sorriso

Tu tutto arrabbiato che stai leggendo un avviso

Gente persa per la città

 

Ma cosa stiamo aspettando, seduti al tavolo di questo bar ?

Io ci sto pensando e allora tiro a indovinareVoglio una vita spericolata, si, ma baciata dalla sorte

e aspettandola, sto in questa città

 

Tu con i tacchi a spillo, Tu con la sciarpa di mille colori

Tu con la collana di perle, ferma davanti a una fioreria

Noi seduti al bar a guardare la via

Gente persa per la città

 

PROVE A DIMI TU

 

Testo di Luigi Maieron

Musica di Franco Giordani

 

Prove a dimi tu se doman sarai cui distude il fûc se nol plûf mai

Prove a dimi tu se doman sarai se il fûc al rît o al cjante

Prove a dimi tu ce ch'a ti pâr se si sue il flum si svueidie il mâr?

Prove a dimi tu ce ch'a ti pâr se l'aghe a vai o a cjante

Prove a dimi tu ce ch'al è vêr dami dut il peis di un om liser

Prove a dimi tu ce ch'a ti pâr se un om lisêr al cjante

Prove a dimi tu se chest an ch'al ven

la lune a puartarà plui neif o seren

Come un flum cidin il timp al tas e l'aghe a vai e a cjante

Prove a dimi tu ce ch'a ti pâr se si sue il flum si svueidie il mâr?

Prove a dimi tu ce ch'a ti pâr se l'aghe a vai o a cjante

Prove a dimi tu cemût ch'a si giue a cirî il dut e a sintî il nue

Prove a dimi tu cemût ch'a si giue a cirî il dut e a cori daûr al nue

Il viaç chi ai di denti al è un troi fûr di man

liser come l'arie liser e lontan

Su strades platades a passin i dîs famèes si movin, si movin radîs

Prove a dimi tu ce ch'a ti pâr se si sue il flum si svueidie il mâr?

Prove a dimi tu ce ch'a ti pâr se l'aghe a vai o a cjante

Prove a dimi tu se doman sarai cui distude il fûc se nol plûf mai

 

Prova a dirmi

Prova a dirmi se domani ci sarò / chi spegne il fuoco se non piove mai / Prova a dirmi se domani ci sarò / se il fuoco ride o canta / Prova a dirmi cosa ti sembra: se il fiume si asciuga si svuota il mare? / Prova a dirmi cosa ti sembra se l’acqua piange o canta / Prova a dirmi ciò che è vero / dammi tutto il peso di un uomo leggero / Prova a dirmi quello che ti pare / se un uomo leggero canta / Prova a dirmi se l’anno prossimo / la luna porterà più neve o sereno / Come un fiume silenzioso il tempo tace / e l’acqua piange e canta / Prova a dirmi tu come si gioca / a cercare il tutto e a sentire il niente / Prova a dirmi tu come si gioca / a cercare il tutto e inseguire il niente / Il viaggio che ho dentro è un sentiero fuori mano / leggero come l’aria leggero e lontano / Su strade nascoste passano i giorni / famiglie si muovono si muovono radici / Prova a dirmi se domani ci sarò / chi spegne il fuoco se non piove mai

 

COSA IMPORTA

 

Testo di Barbara Floreancig

Musica di Franco Giordani

 

Che cosa importa se c’è la distanza

Che cosa importa se il tempo manca

Che cosa importa se non lo posso urlare

Cosa importa se non ho niente da dire

E penso dentro me, che cosa importa se lei non c’è

Cosa importa se prendo la strada ad una via

Che cosa importa se non cerco compagnia

Che cosa importa se il mondo avanza

Cosa importa se di me può fare senza

E penso dentro me, che cosa importa se lei non c’è

 

NON HO MAI

 

Testo e musica di Franco Giordani

 

Questa notte ho fatto un sogno, ero in fila tra le ore

Questa notte all’improvviso il mio mondo ha cambiato colore

Non ho mai tenuto il passo a tempo, non ho visto il tuo sorriso

Non ho mai guardato bene il tuo volto, non mi sono mai deciso

 

Non ho visto le tue mani prima di cercarle

Non ti ho vista controluce

Non si può vedere niente se non si piega il viso

 

Non ho mai trovato il tempo di dirti che avevo paura

Paura di cosa non so dirti, forse delle mie mura

Non ho mai tenuto il passo a tempo, tutto correva veloce

Non ho mai capito il tuo silenzio, non ho sentito la tua voce

 

Non ho visto le tue mani prima di cercarle

Non ti ho vista controluce

Non si può vedere niente se non si piega il viso

Poi con il pianto ho ritrovato il sorriso

 

Questa notte ho fatto un sogno, eravamo in cerca di un’uscita

E ho sentito la carezza del tuo anello che sfiorava le mie dita

Poi il suono della sveglia mi ha riportato nel vero

Io ho perso solo tempo questo è il mio pensiero

 

Non ho visto le tue mani, non ho visto i tuoi occhi

Non ti ho vista controluce

Non si può vedere niente se non si piega il viso

Poi con il pianto ho ritrovato il sorriso

 

SOLITUDINE E LIBERTA'

 

Testo di Barbara Floreancig

Musica di Franco Giordani

 

Non ti ho cercato perchè oggi avevo bisogno di te

Per vivere questo momento che non vuole schiavi e padroni

Per poter galleggiare in solitudine e libertà

In questo recinto d’oro e diamanti

 

Vorrei annusare i tuoi occhi e sentire l’odore del bosco profondo

Vorrei riuscire a fuggire con te da questo mio piccolo mondo, ma resto qui

 

Vorrei sorprenderti ancora, sorprendere la realtà

Con un bacio che ti tolga qualcosa per avere indietro un poco di me

Così tanto per pareggiare la ragione che mi hai rubato

E il tormento che mi hai lasciato

 

Vorrei annusare i tuoi occhi e sentire l’odore del bosco profondo

Vorrei riuscire a fuggire con te da questo mio piccolo mondo, ma resto qui

 

Sogno voli lontani, ma le coperte non sono ali

Guardo le foglie appassite, so che il vento le solleverà

Ma sento la giacca pesante, il mio abito è questo qua

Chi mi ha riempito la tasca di sassi ?

 

Vorrei annusare i tuoi occhi e sentire l’odore del bosco profondo

Vorrei riuscire a fuggire con te da questo mio piccolo mondo, ma resto qui, resto qui, resto qui, resto qui, io resto qui

 

FUM

 

Testo e musica di Franco Giordani

 

Una cìca ciatàda a bàs al è al mo tabàc

“Eme Ese”, “Màlboro”, Alfa e Diàna

Un pachèt de “Guluàs” vegnù da la Frància

portà da un emigrànt, una “Guluàs”!

Al mo mestièr al è ciatà ce ca rèsta pàr stràda

Al mo mestièr al è mesedà thenìsa e tabàc

 

Me desèt de bonòra, sèmpre cetìn

Sa vègn la tempièsta me tìr tàla bància

Dùch i mo pensèrs i è coloràs de nègre

Nègres còma al vìn

Nègres còma i mùrs de la ciàsa

 

Iùa no cognòs la prèssa sa l’è da fumà

Màn pianùt, cu le màns ta la tàsa e i vùes ta l’asfàlt

Iùa de fùm e sài àlc e sài fòrse màsa

Ogni cìca ciatàda a bàs a l’è dùt ce chi làsa

 

Fumo

Una cicca trovata per terra è il mio tabacco / MS Marlboro Alfa Diana / un pacchetto di Gouluoise arrivato dalla Francia / portato da un emigrante / Una Gouluoise! / Il mio mestiere è trovare quello che resta per strada / Il mio mestiere è mescolare cenere e tabacco / Mi alzo presto sempre in silenzio / Se viene la tempesta mi stendo sulla panca / Tutti i miei pensieri sono colorati di nero / Neri come il vino / Neri come i muri della casa / Io non conosco la fretta se c’è da fumare / Piano piano mani in tasca occhi nell’asfalto / Io di fumo so qualcosa / Forse so troppo / Quello che trovo per terra è tutto quello che gli altri lasciano

 

LA BALLATA DI RICARDO

 

Testo e musica di Franco Giordani

 

Non sa scrivere, non sa niente di storia

Non ha libri, non ha memoria

Ha una faccia da ombre e col suo motorino

corre sempre sul filo del rasoio

 

Che cosa vuoi? Non mi fido Lui è un’ortica, una carta sbagliata

Ma tu, pagagli un giro ! Con lui ti divertirai

 

“B.R.” è il suo timbro, scritto col vino

La stella non c’entra, ma è pieno di guai

Sulla credenza ha un cappello d’Alpino,

ma una medaglia non l’ha vista mai

 

Che cosa vuoi? Non mi fido Lui è un’ortica, una carta sbagliata

Ma tu, pagagli un giro ! Con lui ti divertirai

 

Hanno provato a mandarlo via per quattro soldi e per nostalgia

Ha stretto il collo a un uomo in cucina la lama brillava come brina

Nel treno ha fumato un pacchetto di Alfa

Correva con gli alberi per la ferrovia

E poi in corriera tra le montagne ha ritrovato la sua via

 

Che cosa vuoi? Non mi fido Lui è un’ortica, una carta sbagliata

Ma tu, pagagli un giro ! Con lui ti divertirai

 

E’ stata ancora sempre colpa del vino quella volta della manèra

Ha baruffato forte col suo vicino e quasi finiva in galera

“Cosa vuoi che sia un giornale ? Non mi interessa niente di quel Tribunale”

Dagli una cicca e un’ombra di nero sennò questo cambia il locale!

 

Che cosa vuoi che ti dica? E’ una carta sbagliata, lui è un’ortica

Ma tu, pagagli un giro ! Con lui ti divertirai

 

Poi l’han portato giù in Ospedale di forza perchè lui non ci voleva andare

Sai che fatica girare per osterie Senza voce e con la gola di ordinare

 

Che cosa vuoi? Non mi fido Lui è un’ortica, una carta sbagliata

Ma tu, pagagli un giro ! Con lui ti divertirai

 

Una bestemmia in compagnia, ma quando è solo un’Ave Maria

E tu, pagagli un giro ! / Ancora un poco ti divertirai

 

LA MUSICA E' UNA PREGHIERA

 

Testo di Luigi Maieron

Musica di Franco Giordani

 

Dove sei ? Per chi suoni stasera ?

Batto il tempo mentre parlo con te

I miei giorni sono fatti di suoni

note aperte di cento colori

 

Dove sei ? alzo gli occhi e ti seguo

Suoni al buio e le stelle a cantare

Sento che da questa parte

rimane il segno fatto da te

 

Anche gli angeli si divertiranno

anche loro in mezzo a qualche ballo

Anche gli angeli, sera dopo sera

sanno che la musica è una preghiera

 

Come stai ? Si fa festa anche in cielo ?

Io sto bene, senti il mio controtempo ?

La mia vita va, insegue il canto

Viaggia fra le note fino a te

 

Anche gli angeli si divertiranno

anche loro in mezzo a qualche ballo

Anche gli angeli, sera dopo sera

sanno che la musica è una preghiera

 

EFFETTI SPECIALI

 

Testo e musica di Franco Giordani

 

Io non so dove andrai

Non so se ritornerai

Qui c’è poco da salvare

Non c’è pericolo a rischiare

 

Luci e show alla TV

Effetti speciali, c’è chi non ne può più

Prendere o lasciare

 

C’è sempre un tempo per provare

Ma c’è anche un tempo per riuscire a scappare

E un treno che ti porterà in un altro posto uguale

 

Luci e show alla TV

Effetti speciali, c’è chi non ne può più

Prendere o lasciare

 

E se capitasse di cadere ?

Come un sasso rotolare

Tante volte, sai, non si fa neanche rumore

Ma così è difficile restare

 

Luci e show alla TV

Effetti speciali, c’è chi non ne può più

Prendere o lasciare

 

Siamo sempre in cerca di qualcosa

Ma poi non ci troviamo neanche noi

Un ramo di spine che cerca la rosa

 

Io non so dove andrai

Non so se ritornerai.